.
Annunci online

qua-e-la
QUA E LÀ. Cose raccolte in rete / HERE AND THERE. Things from the Net
 
 

contact me

for an English machine translation of this page, click here (provided by Google)

"Il mondo è grande ed è bello, ma è molto offeso. Tutti soffrono ognuno per se stesso, ma non soffrono per il mondo che è offeso e cosi il mondo continua ad essere offeso."
Elio Vittorini, Conversazioni in Sicilia

All visual content is copyright to its owners. If you own rights to any of the images, and do not wish them to appear on this site, please contact us and they will be promptly removed.

Add to Technorati Favorites







Find Blogs in the Blog
Directory

arte
11 ottobre 2007
Mostre - NY, Tapestry in the Baroque: Threads of Splendor

Tapestry in the Baroque: Threads of Splendor
October 17, 2007–January 6, 2008
Special Exhibition Galleries, The Tisch Galleries, 2nd floor
From the Middle Ages until the late 18th century, the courts of Europe lavished vast resources on tapestries made of precious materials after designs by the leading artists of the day. This international loan exhibition, conceived as a sequel to Tapestry in the Renaissance: Art and Magnificence (spring 2002), is the first comprehensive survey of high-quality 17th-century European tapestry. Drawing from collections in more than 15 countries, it presents 40 rare tapestries made in Brussels, Delft, Florence, London, Munich, Paris, and Rome between 1590 and 1720, along with approximately 25 drawings, engravings, and oil sketches. The exhibition investigates the stylistic and technical development of this prestigious figurative medium and explores the contributions of artists such as Peter Paul Rubens, Jacob Jordaens, Simon Vouet, Charles Le Brun, Pietro da Cortona, and Giovanni Romanelli, as they responded to the challenges of the medium in unique and spectacular ways.

A two-day symposium will be held in connection with this exhibition on Saturday and Sunday, October 20 and 21, 2007. Free with Museum admission; tickets and reservations not required. See the calendar for more information, or contact lectures@metmuseum.org.

The exhibition is made possible by the Hochberg Foundation Trust and the Gail and Parker Gilbert Fund.

Corporate support is provided by Fortis.

The exhibition is also made possible in part by the National Endowment for the Arts, the Society of Friends of Belgium in America, and the Flemish Government.

The catalogue is made possible by The Andrew W. Mellon Foundation, the Samuel I. Newhouse Foundation, Inc., and the Doris Duke Fund for Publications.

The exhibition was organized by The Metropolitan Museum of Art, New York, with the generous participation of the Patrimonio Nacional, Madrid.

It is supported by an indemnity from the Federal Council on the Arts and the Humanities.



permalink | inviato da Qua-e-là il 11/10/2007 alle 8:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
arte
10 ottobre 2007
Mostre - Parigi, Arcimboldo

NEWSLETTER


LES PRODUITS ARCIMBOLDO

Visuel d'un produit de la boutique Visuel d'un produit de la boutique Visuel d'un produit de la boutique

Découvrez la sélection de produits dérivés de la collection Arcimboldo

Actuellement


Visuel de l'exposition en cours

Arcimboldo

Tous les jours, jusqu'au 13 janvier 2008

Célèbre pour ses têtes anthropomorphes composées à partir de plantes, de fruits, d’animaux et autres éléments, Giuseppe Arcimboldo (1526-1593) reste un peintre encore mystérieux.


L’exposition comprend une centaine d’oeuvres. Outre la présentation des célèbres têtes composées issues de collections privées et muséales du monde entier, un important ensemble de tableaux (dont de nombreux portraits inédits), de tapisseries, et d'œuvres graphiques rend hommage à l’étendue de l’extraordinaire univers pictural de l’artiste, d’une richesse allégorique et formelle inégalée. Quelques oeuvres de comparaison, dont des d'objets d'art provenant du célèbre Kunstkammer des Habsbourg et des ouvrages illustrés en lien direct avec l'artiste, permettent d'appréhender le contexte socio-culturel de l’époque et de la cour des Habsbourg, pour une meilleure compréhension de sa production.


Cette exposition, placée sous la commissariat de Dr. Sylvia Ferino, conservateur de la Peinture italienne Renaissance au Kunsthistorisches Museum, est co-organisée par le Musée du Luxembourg et le Kunsthistorisches Museum, Vienne, où elle sera présentée du 11 février au 1er juin 2008.



Visuel de pied de page



permalink | inviato da Qua-e-là il 10/10/2007 alle 11:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
arte
5 ottobre 2007
Mostre - Arte africana a NY


Eternal Ancestors: The Art of the Central African Reliquary
October 2, 2007–March 2, 2008
Special Exhibition Galleries, 1st floor
Learn more about this exhibition.
View images from this exhibition.
Visit the online Met Store for related publications, reproductions, and other products.
This exhibition presents some of the most celebrated creations of African masters in a new light. Many of these works were muses to members of the Western avant-garde, who collected and closely studied them for their inventive aesthetic qualities in their studios during the early 20th century. In light of their role in altering the course of Western art, the works examined are among the most influential masterpieces of the African artistic canon. This exhibition addresses the sensation these now-classic works, appreciated for their beauty alone for over a century, generated among the earliest generation of African art amateurs. But beyond that, it reveals the significance of these works to their cultures of origin by revealing the underlying sources of cultural and spiritual inspiration that led to their creation in equatorial Africa. Drawn from the most important collections of African art in Europe and the United States, the more than 150 works featured are from fourteen distinct cultural traditions in Cameroon, Equatorial Guinea, Gabon, the Republic of Congo, and the Democratic Republic of the Congo. These sculptural masterpieces, which ultimately transcended their original cultural contexts to enter the mainstream of universal art, were created to portray ancestors as vital intermediaries. Through a range of different visual vocabularies and materials, this is evident in dynamic depictions of the human form conceived to enhance, venerate, and amplify the power of sacred relics. The exhibition provides a foundation for greater appreciation of central Africa’s cultural legacy and the relationship of its art to other major traditions from around the world. Since sacred relics have served as the catalysts for some of the most exalted and revered creations in the history of Western, Eastern, and African civilizations, the exhibition considers reliquaries from other world cultures alongside those produced in Africa, thereby drawing upon related works from other parts of the Metropolitan’s encyclopedic collections.

The exhibition is made possible in part by the William Randolph Hearst Foundation.
The catalogue is made possible by The Andrew W. Mellon Foundation and the Doris Duke Fund for Publications.



permalink | inviato da Qua-e-là il 5/10/2007 alle 9:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
arte
5 ottobre 2007
Mostre - Gauguin a Roma

Paul Gauguin. Artista di mito e sogno

Mostra Fori Imperiali 2007

Paul Gauguin. Artista di mito e sogno

Il genio di Paul Gauguin giunge finalmente a Roma. Dal 6 ottobre 2007 al 3 febbraio 2008, infatti, il Complesso del Vittoriano ospiterà la mostra Paul Gauguin. Artista di mito e sogno, dedicata al suo esotismo sognante, ai suoi richiami pittorici alla cultura del passato persino sullo sfondo della natura tropicale della Polinesia, il suo mitico Eden in cui regnano pace e abbondanza.
L’esposizione offre al pubblico bel 150 opere provenienti dai più importanti musei del mondo (tra cui l'Ermitage di San Pietroburgo, la National Gallery of Art di Washington e la Ny Carlsberg Glyptotek di Copenhagen), privilegiando gli anni di Tahiti e delle isole Marchesi, il periodo più noto e più amato dal pubblico di Gauguin.
Dipinti a olio, disegni, sculture e ceramiche daranno modo di conoscere il difficile percorso umano e artistico che ha caratterizzato la vita di Gauguin (1848-1903).
Dopo l’esperienza impressionista, la visione delle stampe giapponesi gli dà lo spunto per gettare le basi del Sintetismo (Scuola di Pont Aven), che contrappone una pittura astratta, simbolista e quindi senza una reale somiglianza con la realtà, alla pittura "dal vero" di tipo impressionista, assai descrittiva e legata alle emozioni. Diventa così il precursore del Fauvismo, sviluppatosi tra il 1898 e il 1908.
Nei suoi lunghi soggiorni nella polinesiana Tahiti elabora, invece, una pittura dal tocco reale e incantato al tempo stesso, in cui le donne tahitiane ci guardano con occhi intensi e misteriosi e i profumi di fiori esotici e frutta tropicale oltrepassano la tela.
Gauguin è riuscito dunque a dipingere con i colori ciò che il grande poeta latino Virgilio ha fatto con i versi delle sue Bucoliche scritte nel pieno delle guerre civili: ritrarre la vita in una sorta di paradiso perduto dove non ci sono né miseria né dolore, ma solo una pacata quotidianità fatta di gesti semplici.
Ecco quindi il perché del suo legame con Roma, la città eterna che il Maestro mai visitò in vita. Lo storico dell’arte Stephen Eisenman, infatti, curatore della mostra con la collaborazione di Richard Brettell, ha scelto le opere da esporre in base a una rilettura critica di dipinti e materiali d’archivio, in cui gli echi del passato e il fascino di un presente primitivo espressi da Gauguin si rifarebbero, secondo Eisemann, alle antiche memorie di Roma.

Organizzazione e realizzazione: Comunicare Organizzando
Per ulteriori informazioni, contattare il numero: +39 06 6780664.

Nell'immagine, un particolare tratto dal dipinto di Paul Gauiguin:
Giorno di dio (Mahana no atua), 1894, Art Institute di Chicago.

Periodo
Dal 6 ottobre 2007 al 3 febbraio 2008
Indirizzo
Complesso del Vittoriano, Via San Pietro in Carcere (presso i Fori Imperiali) - Fori Imperiali (RM)



permalink | inviato da Qua-e-là il 5/10/2007 alle 9:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
arte
5 ottobre 2007
Mostre - Renoir a Filadelfia
Milwaukee Art Museum

"Le Pont Neuf" by Pierre-Auguste Renoir (1872)



permalink | inviato da Qua-e-là il 5/10/2007 alle 8:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
arte
5 ottobre 2007
Ritrovamenti - Leonardo, La Madonna dei fusi

La polizia del Regno Unito avrebbe recuperato un dipinto di Leonardo da Vinci nel sud della Scozia. Si tratterebbe della "Madonna dei Fusi" (1501), di proprietà del duca di Buccleuch, trafugata 4 anni fa dal castello di Drumlanrig. Gli inquirenti attendono ulteriori esami per identificare con certezza l'opera. Il quadro, valutato oltre 35 milioni di euro, è inserito sul sito dell'Fbi nell'elenco delle 10 opere d'arte più ricercate al mondo.





permalink | inviato da Qua-e-là il 5/10/2007 alle 8:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
arte
4 ottobre 2007
Mostre - L’Annunciata di Antonello da Messina esposta a Milano
Un Capolavoro per Milano: Antonello da Messina
L’Annunciata di Antonello da Messina
Dal 05/10/2007 al 25/11/2007

Un Capolavoro per Milano

L’Annunciata di Antonello da Messina

5 ottobre - 25 novembre 2007

Torna l’appuntamento annuale con il ciclo "Un Capolavoro per Milano", in occasione del quale giunge al Museo un’opera prestigiosa, ormai icona della produzione di Antonello da Messina: l’Annunciata, in prestito dalla Galleria Regionale della Sicilia (Palazzo Abatellis, Palermo). Capolavoro assoluto dell’arte italiana ed europea, l’Annunciata colpisce per la straordinaria perfezione formale e per l’innovativo concetto di assolutezza spaziale; rispettivamente sintetizzati nella bellezza geometrica dell’ovale del volto e nell’impercettibile rotazione della figura nello spazio.

L'iniziativa "Un Capolavoro per Milano", giunta alla quinta edizione, è frutto della collaborazione tra il Museo Diocesano e Bipiemme Gestioni, società di gestione del risparmio del Gruppo Banca Popolare di Milano

Esclusivamente per i giorni:
domenica 7, 14, 21, 28 ottobre
giovedì 1 novembre 

domenica 4, 11, 18, 25 novembre 
saranno attivati a cura di Ad Artem laboratori didattici per bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni, in cui, dopo aver ammirato dal vero il capolavoro di Antonello, i piccoli visitatori potranno cimentarsi nella realizzazione di un piccolo dipinto su tavola, creando i colori dai pigmenti come nelle botteghe rinascimentali (alle 15.00 e alle 16.30).
Nel frattempo, genitori, nonni, zii, amici potranno approfittare della presenza di uno storico dell’arte che commenterà l’Annunciata di Antonello da Messina (alle 15.00, 15.30, 16.00, 16.30, 17.00, 17.30, la visita dura 30 minuti). Visite guidate e laboratori didattici sono gratuiti. (consigliata la prenotazione: 02.89420019, posti limitati)

Con il Patrocinio e contributo del Comune di Milano - Turismo, Marketing Territoriale, Identità  



Visita mostre
Tel 02.89.42.00.19

info.biglietteria@museodiocesano.it




permalink | inviato da Qua-e-là il 4/10/2007 alle 12:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
CULTURA
3 ottobre 2007
Mostre - Africa Today, Roma

MOSTRE: PER LA PRIMA VOLTA A ROMA 'AFRICA TODAY'

450 OPERE DEI PIU' CELEBRI ARTISTI DEL CONTINENTE

Roma, 1 ott. (Adnkronos Cultura) - Per la prima volta nella Capitale, una grande collettiva dei maggiori artisti contemporanei africani: è "Africa Today. The Dark Side of the Art", mostra allestita presso Vetrina Roma, lo spazio informativo-espositivo del dipartimento Turismo, Sport e Moda del comune di Roma, in Piazza dei Cinquecento, aperta al pubblico da oggi al 2 dicembre. "Un modo per sollecitare la volontà di impossessarsi dell'arte africana a noi così vicina", ha dichiarato il vicesindaco Mariapia Garavaglia. Con il patrocinio del ministero dei Beni Culturali e del comune di Roma, la rassegna espone le opere più significative dei più celebri artisti del Continente: 450 opere di quarantasette artisti, provenienti dai vari stati africani, che descrivono in modo esaustivo lo scenario artistico dell'arte moderna nel continente. Ma non solo: nel corso della mostra sarà possibile contribuire con delle offerte al progetto "Baobab" di Amicus Onlus per la realizzazione di un Polo Universitario in Ghana, con annesso centro medico. Dopo aver influenzato a lungo l'arte europea e nord americana, dall'inizio del Novecento fino alla Pop Art,da Picasso ad Andy Warhol, in questi ultimi venticinque anni l'Africa ha visto l'emergere di straordinari autori di diversa estrazione e linguaggi, mai esotici né primitivi, ma semplicemente contemporanei. Le loro opere sono state allestite in un percoso che va da Oriente verso Occident, attraversando il Continente lungo i meridiani dal'Etiopia al Senegal ed illustrano l'intera storia africana. Tra gli artisti presenti in mostra, Cheff Mwai (Kenya), che ha militato nei Mau Mau per la lotta di indipendenza del suo paese dal colonialismo inglese, autore del celebre ritratto del partigiano Jomo Kenyatta, poi Presidente della Repubblica del Kenya. E ancora George Lilanga (Tanzania), le cui pitture su tela o faesite così come le sculture Makonde di ebano dipinto sono divenute cult per collezionisti di tutto il mondo, raggiungendo da Sotheby's valutazioni record; Tita Mbaye (Senegal), massimo rappresentante dell'Africa dell'ovest con le sue opere in materiale proveniente dalle discariche delle grandi periferie urbane, e Chéri Samba, l'artista Pop ormai in tutte le principali collezioni pubbliche occidentali e asiatiche e il già scomparso Moké, considerato il padre della pittura popolare africana.




permalink | inviato da Qua-e-là il 3/10/2007 alle 8:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
SOCIETA'
2 ottobre 2007
Kiva.org - Microfinanziamenti per piccoli imprenditori dei Paesi in via di sviluppo

Kiva - loans that change lives

Kiva.org è una piattaforma di micro finanziamento, rivolta a piccoli imprenditori dei paesi in via di sviluppo. Attraverso Kiva è possibile finanziare direttamente un progetto di un piccolo imprenditore.

Mercedes Ruiz Zamarron, Messicana vuole ampliare il proprio negozio offrendo più prodotti ai suoi clienti. Gultakin Ugurluyeva, dall Azerbaijan è una cuoca che necessita un nuovo forno. Velichka Koleva, Bulgara, vuole installare una nuova cabina telefonica VOIP nel suo call center.

Queste tre persone, insieme a molte altre, hanno deciso di rivolgersi ad alcune associazioni locali che fanno riferimento a Kiva per avere un prestito. Nei paesi poveri ottenere un prestito per cominciare una attività può essere parecchio complicato e i tassi di interesse possono essere veramente alti.

Ma allora chi può prestare a questi imprenditori i fondi per diventare produttivi?

Noi! Attraverso kiva è possibile prestare piccole somme di denaro (a partire da 25$).

Il denaro prestato servirà appunto a far cominciare gli affari e in 12 - 18 mesi il prestito verrà restituito. A questo punto potremo decidere se reinvestire il capitale in altri progetti, oppure se recuperare i nosri soldi.




permalink | inviato da Qua-e-là il 2/10/2007 alle 14:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
arte
2 ottobre 2007
Mostre, Londra: Renaissance Siena: Art for a City, National Gallery
Francesco di Giorgio, 'Saint Dorothy and the Infant Christ', probably 1460s.

Francesco di Giorgio, 'Saint Dorothy and the Infant Christ', probably 1460s.
London, The National Gallery.

Visiting Information

Opening times:
24 October 2007 - 13 January 2008

10am - 6pm daily
(last admissions 5.15pm)
10am - 9pm Wednesdays
(last admissions 8.15pm)

Location:
Sainsbury Wing

Tickets:
A timed entry system will be in operation.
Advance booking is highly recommended



24 October 2007 - 13 January 2008
Sainsbury Wing Admission charge

Sponsored byMonte dei Paschi di Siena. MPS Banking Group.

This exhibition offers the first opportunity in the UK to see Sienese Renaissance works of art in the artistic, cultural and political context of the volatile last century of the Sienese Republic.

While the painting of Trecento Siena is universally admired, the art produced during the later 15th and early 16th centuries is much less well known, especially outside Italy.

'Renaissance Siena: Art for a City' will showcase the bravura techniques and virtuoso inventiveness of two of the greatest Sienese artists of this period, Francesco di Giorgio and Domenico Beccafumi, alongside many of their contemporaries.

Around one hundred beautiful paintings, sculptures, drawings, manuscripts and ceramics will be included in the exhibition.

Major loans from private and public collections across Europe and America will be displayed alongside the exceptional Sienese paintings in the National Gallery's own collection - works by Matteo di Giovanni, Francesco di Giorgio, Benvenuto di Giovanni, the Master of the Legend of Griselda, Signorelli, Pintoricchio and Beccafumi - many of which will be specially cleaned and restored for this show.






permalink | inviato da Qua-e-là il 2/10/2007 alle 9:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre   <<  1 | 2  >>  
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
Feed
blog letto 44065 volte