.
Annunci online

qua-e-la
QUA E LÀ. Cose raccolte in rete / HERE AND THERE. Things from the Net
 
 

contact me

for an English machine translation of this page, click here (provided by Google)

"Il mondo è grande ed è bello, ma è molto offeso. Tutti soffrono ognuno per se stesso, ma non soffrono per il mondo che è offeso e cosi il mondo continua ad essere offeso."
Elio Vittorini, Conversazioni in Sicilia

All visual content is copyright to its owners. If you own rights to any of the images, and do not wish them to appear on this site, please contact us and they will be promptly removed.

Add to Technorati Favorites







Find Blogs in the Blog
Directory

CULTURA
3 ottobre 2007
Mostre - Africa Today, Roma

MOSTRE: PER LA PRIMA VOLTA A ROMA 'AFRICA TODAY'

450 OPERE DEI PIU' CELEBRI ARTISTI DEL CONTINENTE

Roma, 1 ott. (Adnkronos Cultura) - Per la prima volta nella Capitale, una grande collettiva dei maggiori artisti contemporanei africani: è "Africa Today. The Dark Side of the Art", mostra allestita presso Vetrina Roma, lo spazio informativo-espositivo del dipartimento Turismo, Sport e Moda del comune di Roma, in Piazza dei Cinquecento, aperta al pubblico da oggi al 2 dicembre. "Un modo per sollecitare la volontà di impossessarsi dell'arte africana a noi così vicina", ha dichiarato il vicesindaco Mariapia Garavaglia. Con il patrocinio del ministero dei Beni Culturali e del comune di Roma, la rassegna espone le opere più significative dei più celebri artisti del Continente: 450 opere di quarantasette artisti, provenienti dai vari stati africani, che descrivono in modo esaustivo lo scenario artistico dell'arte moderna nel continente. Ma non solo: nel corso della mostra sarà possibile contribuire con delle offerte al progetto "Baobab" di Amicus Onlus per la realizzazione di un Polo Universitario in Ghana, con annesso centro medico. Dopo aver influenzato a lungo l'arte europea e nord americana, dall'inizio del Novecento fino alla Pop Art,da Picasso ad Andy Warhol, in questi ultimi venticinque anni l'Africa ha visto l'emergere di straordinari autori di diversa estrazione e linguaggi, mai esotici né primitivi, ma semplicemente contemporanei. Le loro opere sono state allestite in un percoso che va da Oriente verso Occident, attraversando il Continente lungo i meridiani dal'Etiopia al Senegal ed illustrano l'intera storia africana. Tra gli artisti presenti in mostra, Cheff Mwai (Kenya), che ha militato nei Mau Mau per la lotta di indipendenza del suo paese dal colonialismo inglese, autore del celebre ritratto del partigiano Jomo Kenyatta, poi Presidente della Repubblica del Kenya. E ancora George Lilanga (Tanzania), le cui pitture su tela o faesite così come le sculture Makonde di ebano dipinto sono divenute cult per collezionisti di tutto il mondo, raggiungendo da Sotheby's valutazioni record; Tita Mbaye (Senegal), massimo rappresentante dell'Africa dell'ovest con le sue opere in materiale proveniente dalle discariche delle grandi periferie urbane, e Chéri Samba, l'artista Pop ormai in tutte le principali collezioni pubbliche occidentali e asiatiche e il già scomparso Moké, considerato il padre della pittura popolare africana.




permalink | inviato da Qua-e-là il 3/10/2007 alle 8:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre       
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
Feed
blog letto 1 volte